Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

lunedì 10 settembre 2012

Ninna-bot

Ted fece qualche passo sul suolo coperto di cenere, attento ad evitare i detriti nascosti.
Avanzò cautamente verso l'ingresso di un edificio ancora in piedi, l'unico che avevano individuato in mezzo alle rovine.

"Ted, mi ricevi?"
"Ciao Mario. Dove sei sceso?"
"Duecento metri a nord del punto di ritrovo."
"Sei sulla mia sinistra. Accendi il segnalatore".
"Ok."

Ted si voltò, e strizzò gli occhi. Un bagliore violaceo era visibile nella penombra, oltre la cortina di polvere radioattiva.
"Ti vedo" disse con sollievo.

Pochi minuti dopo erano vicini. Si salutarono con un breve contatto delle mani attraverso le tute antiradiazioni.
L'edificio era quasi completamente crollato, sbriciolato e soffiato via dall'onda d'urto delle esplosioni, ma un'ala era rimasta in piedi fin quasi a tutto il secondo piano. Forse era stata protetta da qualche edificio più alto. L'ingresso era ancora integro.

Vi si diressero, con Mario che si dava da fare con lo scanner portatile.
Ted superò con qualche difficoltà una scala in rovina, e trovò un varco fra i battenti fracassati del portone. Si trovò in un ampio atrio.
Sullo sfondo, il fascio della torcia illuminava l'inizio di uno scalone, dalla balaustra in ferro battuto semifusa. Le pareti erano di marmo scuro, quasi completamente eroso dalla polvere.
Doveva essere stata una palazzina di lusso, da borghesia agiata.

"Ehi, c'è qualcosa qui". La voce di Mario all'auricolare sembrava eccitata.
"Arrivo". Il compagno era fermo a pochi metri dall'ingresso.