Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

mercoledì 6 marzo 2013

Quando i fuochi, nella notte...


Questo post è dedicato alla Città della Scienza di Napoli, distrutta il 4 marzo 2013 da un rogo su cui è impossibile chiudere gli occhi. 

Quando i fuochi si levano nella notte, a nessuno è concesso il sonno.
Le lingue di fiamma che si avventano contro il buio fanno breccia nel velo del torpore, inceneriscono la quiete sospesa dei sensi e l’oblio delle coscienze.

I fuochi nella notte svelano la realtà che, nel buio, può esistere in uno stato indistinto e sovrapposto di bene e di male, di giusto e sbagliato, autorizzandoci a coltivare una sorta di indeterminazione quantistica nell’intimo delle nostre vite.

Qualcosa che chiamiamo inconsapevolezza, ma è ipocrisia.