Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

venerdì 9 agosto 2013

Posizione di Fortezza



“Non farò mai ciò che volete. La questione è chiusa.”

L’uomo legato alla sedia aveva parlato con calma, scandendo bene le parole; nonostante i denti spezzati gli conferissero un buffo accento strascicato, la sua voce trasmetteva sicurezza e autorità. I due scagnozzi in piedi lo fissarono brevemente.

Per diversi minuti il suono sordo dei pugni e dei calci riempì l’aria stantia del vecchio magazzino. L’uomo sulla sedia gemeva piano, tenendo la testa il più possibile piegata sul collo per proteggersi il viso.
Gli altri due si davano da fare con metodo, alternando i colpi, mantenendo un buon ritmo. Ansimavano, fradici di sudore; ogni tanto si passavano sulla fronte grondante una mano sporca di sangue.
Per terra tutto si mescolava in una poltiglia calda su cui era difficile non scivolare.