Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

sabato 2 agosto 2014

Sulle fragili ali della bellezza - trailer book

Estate, tempo di svago, di rilassare la mente. Ehi, un momento: ho detto rilassare, non spegnere! Il nostro cervello è una macchina complessa, che ha bisogno di restare sempre in attività: per lui, il relax significa impegnarsi su un compito diverso dal solito, purché sia stimolante e divertente, in un contesto piacevole. Ma ha bisogno di essere attivo: se viene "spento" ne soffre (e non è detto che possa riaccendersi :-D)

Dunque come conciliare la volontà del corpo di spalmarsi su morbidi prati erbosi o assolate spiagge, e la necessità della mente di rimanere operativa? Ecco una proposta estiva!
Perché non affidarsi alla matematica? E non venitemi a dire che non c'entra con le vacanze: questo è anche il tema scelto per il 76° Carnevale della Matematica, ospitato da Maurizio Codogno (che è pure il curatore della collana di matematica divulgativa Altramatematica, di cui fa parte la "soluzione" al problema che stiamo discutendo)

Un libro, quindi. Qualcosa da portarsi sotto l'ombrellone, dentro lo zaino, in cima ad un rifugio e, se questo è il vostro genere, in città, in campagna, in bicicletta. Basta un lettore di ebook e, alla disperata, uno smartphone: il cibo per la mente occupa meno spazio del sacrosanto spuntino in alta quota o della "parmigiana" domenicale sulla spiaggia. Provare per credere: e poi, naturalmente, perché fermarsi qui? La collana ha numerose "perle" da conoscere e collezionare!

"Racconti Matematici", ve lo presento con un'anteprima esclusiva. Questo è l'incipit di una delle due storie che costituiscono il libro, edito anche lui da 40K nella collana Altramatematica. Il tutto nasce da una semplice considerazione: c’è ancora qualcuno, là fuori, che pensa alla matematica come a qualcosa di arido: paradossi astrusi, noiosi tecnicismi, che nulla hanno a che fare con la fantasia o la creatività.
E poi ci sono coloro, e son parecchi, che hanno sbirciato almeno un po’, dietro le file compatte di teoremi ed equazioni, facendosi strada fra i numeri come se fossero le fronde di un bosco incantato.
Questo libro è dedicato ad entrambe le tipologie di lettori; comunque la pensino sulla matematica, fra queste pagine potranno scoprirne almeno uno, degli infiniti mondi che racchiude.