Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

lunedì 18 agosto 2014

La dama incolore - 4


Qualcosa picchiava nel buio.
Un  ticchettio ritmico, reso ovattato dall’interposizione di un notevole spessore, echeggiava nella testa del giovane, immerso in un sonno agitato. Asterion continuava a rigirarsi nel letto, a cui non era abituato, e la sua mente associava quei colpi cadenzati alle immagini della serata appena trascorsa. Ora era Miss Rebecca, a battere sul tavolo con la forchetta, cercando di infilare il cibo che fingeva di non vedere; nella scena successiva, nell’ordine irrazionale proposto dal sogno, era invece sua madre, che percuoteva la testa di Lord Tompstone con uno scudiscio, facendone uscire copiosi rivoli di sangue, mentre lui continuava a ridere fragorosamente.
Si svegliò di colpo, sollevandosi a sedere sulle coltri, sopra le quali si era gettato ancora vestito: la stanza era immersa nel buio, ma un largo rettangolo di luce lunare, passando attraverso la finestra, illuminava un ampio tratto del pavimento. Non ricordava di essersi coricato, ma era evidente che la cameriera, completato il proprio lavoro, se ne era andata senza disturbarlo. Ancora profondamente turbato, si sforzò di mettere ordine nel tumulto dei proprio pensieri: il breve sonno aveva contribuito a calmare la sua eccitazione e, malgrado i numerosi motivi di apprensione, sentiva la mente lucida e disposta al ragionamento.