Privacy

Questo sito fa uso dei cookies utilizzati dalla piattaforme blogger per garantire una migliore esperienza di fruizione dei contenuti e per raccogliere statistiche anonime sugli accessi e sulla visualizzazioni di pagina. Visitandolo ne accettiutilizzo secondo quanto previsto dalle norme specifiche di Google Inc. relative alla propria politica sulla privacy.

martedì 14 ottobre 2014

Liberi e illimitati confini

Certi luoghi sono limiti, ma non sono confini. 

Ci sono albe, o mattini, in cui una danza di nebbia e di sole nasconde nel riverbero fumoso lunghi margini di strade. 
Luoghi dove si abbracciano cose difformi. 
Sicure linee di prospettiva che si intersecano con le frastagliate sembianze degli alberi avvolti nella foschia.
E non è dato sapere, oltre quello sfumato orizzonte degli eventi, se le rette nate parallele siano ancora tali, o se si intreccino nelle bizzarre proprietà di un confine, frattale e infinito, dove il possibile non è più limitato.

Se curvandosi e ripetendosi, nelle imperfette sensazioni dell'occhio confuso, quei riflessi, quei giochi di bruma, quei riccioli di rami secchi e imperlati di rugiada, non realizzino davanti ai nostri occhi incoscienti costruzioni proibite, irrazionali, incoerenti, la cui improvvisa presenza sia insostenibile alla ragione e, non potendo esistere insieme ad essa, una volta svelate, non costringano invece noi ad annichilirci.